Lecco Basket women, arresa a Gallarate

Ultima amichevole prima dell’inizio del campionato di serie C e sconfitta casalinga per le blucelesti , domenica 1 ottobre, che si arrendono al Gallarate per 34-51 (parziali: 6-15, 13-30, 22-38).

Come dice il punteggio è stata una gara di sofferenza per la fase d’attacco delle padrone di casa che hanno raccolto troppo poco per poter vincere la partita. Male soprattutto la prima parte di gara dove la LBW ha chiuso con solo 13 punti segnati contro i 30 delle avversarie. Nel secondo periodo lo sforzo difensivo ha portato dei risultati, ma in attacco si è continuato a fare fatica e alla fine la vittoria ha sorriso alle varesine che disputano la serie C come le lecchesi ma nel girone D. Domenica prossima si inizia a fare sul serio con in palio punti per la classifica. La LBW giocherà in casa alle ore 18 affrontando la Vertematese. Il tabellino delle blucelesti: Bassani 2, Aondio 3, Chitelotti 2, Capaldo, Galli 2, Scola 5, Donghi, Davide 2, Oggioni 5, Oddo 3, Ratt 2, Rota, Fumeo, Capellini 8. All.: Canali. Il commento a fine gara della coach di casa: “Oggi un po’ di amaro in bocca c’è, abbiamo fatto tanta fatica in attacco, non trovando mai certezze e fiducia. In difesa ci siamo spese moltissimo, sicuramente con degli errori ma in generale con energia e volontà. Ovviamente il problema è stata la fase offensiva, e il punteggio non lascia dubbi. Non siamo riuscite a trovare mai conclusioni facili e dinamiche che ci dessero sicurezza, e le percentuali oggi sono state particolarmente basse. Ci vuole sicuramente più applicazione, nello stare dentro regole e movimenti, e nel cercare le soluzioni corrette. E poi ovviamente più concretezza al tiro. Mi dispiace perché il lavoro che queste ragazze stanno facendo in allenamento è notevole, per quello che vedo fare loro in settimana mi aspetterei di raccogliere di più la domenica, e su questo bisogna riflettere. Lavoreremo perché cresca la nostra fiducia e fluidità, non voglio che si perda di vista quello che di buono le mie giocatrici stanno provando a fare. Cercheremo di pretendere di più da noi stesse”.