Mandic, anche Azione Lecco si mobilita per salvare l’ospedale

La sensazione è che la sanità territoriale in provincia di Lecco, e in particolar modo nel meratese, stia andando fuori controllo. Ed è evidente che ai problemi sempre più impellenti non corrisponda un’azione altrettanto decisa da parte di Regione Lombardia e delle istituzioni competenti. I problemi dell’Ospedale Mandic di Merate sono noti da tempo, ma se in una settimana ben tre medici dicono addio alla struttura, vuol dire che gli impegni generici non bastano più e occorrono risposte urgenti.

Per questo motivo Azione ha organizzato una mobilitazione per contribuire ad accendere i riflettori su una situazione non più accettabile. La sanità è stata la priorità numero uno del partito animato da Carlo Calenda fin dalla sua fondazione, ancor prima della pandemia. E se a livello nazionale anche in queste ore Azione si sta battendo per aumentare le risorse destinate alla sanità nella prossima legge di bilancio, anche a livello territoriale il partito, coordinato dalla Segretaria Eleonora Lavelli, vuole offrire il suo contributo.

Azione avvia dunque una campagna di ascolto dei cittadini e si attiva sul fronte istituzionale.

Sabato 14 ottobre sono in programma due gazebo a Merate e Casatenovo, mentre domenica 15 sarà il turno di Lecco. L’obiettivo è confrontarsi con i cittadini sul tema della sanità e illustrare le proposte del partito a livello nazionale. Sempre nella mattinata di sabato, inoltre, Azione parteciperà al sit-in a favore del Mandic organizzato dal Partito Democratico. L’appuntamento è in Piazza Prinetti a Merate, a partire dalle 9.30. E a proposito del Mandic, Azione ha anche aderito e contribuirà alla raccolta firme promossa dal PD, con l’obiettivo di informare i cittadini e portare all’attenzione delle istituzioni un disagio orami diffuso.

Ma, accanto a gazebo, sit-in e raccolte firme, Azione ritiene fondamentale agire sul piano istituzionale, dialogando con amministratori locali e promuovendo interventi a livello regionale in stretto coordinamento con il Consigliere regionale Massimo Vizzardi, rappresentante di Azione al Pirelli. Il tema della sanità territoriale è stato sbandierato come prioritario dopo i problemi emersi con la pandemia.