Futuristi, prorogata al 2 luglio la mostra a Palazzo delle Paure

Mostra 'Futuristi'

È stata prorogata fino al 2 luglio 2023 la mostra FUTURISTI. Una generazione all’avanguardia, allestita al Palazzo delle Paure di Lecco.

Curata da Simona Bartolena, prodotta e realizzata da ViDi cultural, in collaborazione con il Comune di Lecco e il Sistema Museale Urbano Lecchese, travel partner Trenord, la mostra è il secondo dei cinque appuntamenti di Percorsi del Novecento, e si concentra su alcuni degli esponenti più importanti del futurismo; da Giacomo Balla a Luigi Russolo, da Gino Severini a Enrico Prampolini, da Filippo Tommaso Marinetti ad Antonio Sant’Elia, da Fortunato Depero a Tullio Crali.

Le dichiarazioni

«Una mostra che ha avuto grande successo all’interno della programmazione delle esposizioni promosse da VIDI in collaborazione con l’Amministrazione comunale. – commenta l’assessore alla Cultura del Comune di Lecco Simona Piazza – Per questo, in accordo con la società, abbiamo deciso di prorogarla fino al 2 luglio, per permettere alle tante persone interessate di poterla visitare. Tra l’altro, l’esposizione si arricchisce anche di un quadro di Munari, sempre appartenente all’epoca dei futuristi.  Ci auguriamo che Palazzo delle Paure con il suo programma espositivo, che ormai è di rilevanza nazionale, possa continuare a raggiungere numeri importanti come sta accadendo ora grazie alla mostra sul Futurismo»

Il percorso espositivo si è arricchito di una nuova opera. Si tratta di Mistero Cosmico (1933), un olio su cartone di Bruno Munari, che testimonia il profondo legame e il debito che l’artista ha avuto nei confronti di Prampolini e del Futurismo.