Festival Monti Sorgenti, il programma dell’edizione 2023

Manifesto Monti Sorgenti

Dal 21 aprile al 20 maggio si svolgerà l’edizione 2023 del Festival Monti Sorgenti, inserito nel calendario “Lecco ama la montagna”, presentato ieri nella sede della sezione cittadina del CAI. Tra gli eventi più significativi la mostra di Matteo Della Bordella e della sua compagna Arianna Colliard, intitolata “Xtremes: North Groenlandia – Isola di Baffin – South Patagonia”, esposta dal 21 aprile al 14 maggio alla Torre Viscontea di Lecco.

Inoltre ci sarà uno spettacolo intitolato “Tugnin, l’anima di Antonia”, dedicato alla celebre poetessa Antonia Pozzi, in programma sabato 6 maggio alle ore 20.45 in Sala Ticozzi. Senza dimenticare le serate alpinistiche, film e un evento al Rifugio Lecco dedicato alla mountain bike. All’interno della rassegna anche la serata in maglione rosso per i Ragni di Lecco. Da giovedì 11 a venerdì 19 maggio al negozio Le cose di Pescarenico si terrà la mostra sul cambiamento climatico Terra Glacialis – I ghiacciai della Lombardia: un patrimonio minacciato dalla crisi climatica. Domenica 7 maggio sarà la volta del pomeriggio musicale al Rifugio Stoppani con I Croccanti, che presentano un tributo a Franco Battiato, con la giornalista ed escursionista Sara Bonfanti ospite della serata. Diversi film di montagna verranno proiettati allo Spazio Teatro Invito, tra cui Oltre confine, con la presentazione di Nicoletta Favaron, vicepresidente del Trento Film Festival e la presentazione del libro di Sara Sottocornola, Il VI grado degli anni 30.

Monti Sorgenti

«L’evento “Monti Sorgenti”, giunto all’importante traguardo della dodicesima edizione, si pone come un festival dedicato alla Montagna che sposa i concetti di modernità, visione, globalità puntando su un alto livello qualitativo degli eventi e degli ospiti, per diffondere il tema della montagna attraverso vari aspetti culturali. Queste caratteristiche hanno saputo suscitare un alto apprezzamento che è andato ben oltre il locale catalizzando anche l’interesse regionale e nazionale. La riconosciuta qualità ha creato un legame con le istituzioni e gli operatori economici consentendoci di progredire sempre con nuove proposte»