Villa Guzzi rinasce con un parco per la Cybersecurity

Dopo 40 anni, Villa Guzzi finalmente apre le porte al mondo dei giovani, dei professionisti, della pubblica amministrazione, con un progetto di formazione possibile grazie ad Alleatech, legato alla cybersecurity, tema sempre più importante parlando di dati e della loro sicurezza. Un progetto che prevede la riqualificazione dell’immobile e del parco circostante sullo stesso livello, in questa fase iniziale.

In quello che fu il palazzotto di don Rodrigo sorgerà un parco che degrada su più livelli e che l’Amministrazione di Lecco ha presentato come progetto di riqualificazione al bando PNRR per i giardini delle ville storiche, classificandosi al secondo posto dopo Villa Gomes e prima di Villa Manzoni (progetti purtroppo non finanziati).

«È evidente la nostra volontà di riqualificare questo bene di importante valore storico, culturale e architettonico, e di metterlo a dispozione come centro di formazione e come parco da vivere», ha detto l’assessore Maria Sacchi – grazie ad Alleatech per aver proposta all’Amministrazione un progetto che torna a far vivere Villa Guzzi nel suo insieme, un luogo dal valore culturale molto forte perchè richiama il Palazzotto di don Rodrigo di manzoniana memoria e perchè rappresenta un luogo che deve essere aperto alla comunità, un luogo da vivere e condividere».