Quarto ponte, Valsecchi invita ed evitare di “mettere le mani avanti”

Didattito aperto sulla questione del quarto ponte, interviene Corrado Valsecchi di Insieme Per Lecco. Riportiamo il suo comunicato:

«Seguo con un certo disagio e apprensione il dibattito di questi giorni sul quarto ponte. Sarebbe meglio fare tutte le dichiarazioni quando le decisioni saranno definitivamente stabilite per evitare vulnus e caos istituzionali tra i vari livelli.
Coloro che hanno la responsabilità di rappresentare ai tavoli di Anas e Regione, sia il Comune di Lecco che la Provincia, farebbero bene ad astenersi da qualsiasi dichiarazione fino a quando tutti gli accordi tecnici, politici e strategici non siano stati sottoscritti.
Resto basito dell’atteggiamento di rappresentanti istituzionali che si trovano allo stesso tavolo per decidere su una infrastruttura determinante come il quarto ponte in vista delle Olimpiadi invernali e anziché dare una versione univoca alle comunità , con un comunicato congiunto, si ritrovino a polemizzare sulle pagine dei media locali.
Comunicazioni fuorvianti nelle aule consiliari , precisazioni, distinguo politico e istituzionale non fanno bene alle opere che devono partire e per le quali siamo già in ritardo.
Occorre avere maggiore consapevolezza del ruolo che si ricopre e non far sempre decadere le discussioni nella “sagra” di chi è il più bravo.
Tutte queste polemiche non devono intralciare il percorso della realizzazione del quarto ponte e dare alibi a “qualcuno” di ritardarne la cantierizzazione.
Se questo succedesse sarebbe si la “sagra” dell’incapacità di portare a compimento, nei tempi previsti , un’opera già interamente finanziata facendo una figuraccia internazionale».