Lecco, scritte anarchiche contro i Martiri di Nassyria

Un segno nero sulla scritta Via Caduti di Nassyria tra via Foscolo e la via dedicata al sacrificio dei carabinieri in Iraq. Poi un’altra che inneggia alla morte di un tifoso vicino allo stadio e ancora unaltra “Chi devasta e saccheggia è lo stato”. Sono scritte di matrice anarchica comparse in vari luoghi della città sulle quali il sindaco si è attivato.

La denuncia viene da Giacomo Zamperini, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, colpito soprattutto sulla scritta contro i martiri di Nassyria. «Non si può derubricare a ragazzate questo tipo di comportamenti – ha detto – i nostri carabinieri sono morti per la libertà di quei popoli e non meritano questo scempio: mi chiedo se l’amministrazione si attiverà a multare questi personaggi». Intanto si stanno visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza che avrebbero potuto riprendere i vandali.