Lecco ricorda la strage di Nassiriya

Il 12 novembre segna il ventesimo anniversario della strage di Nassiriya, in Iraq, un tragico attentato che ha causato la perdita di 28 vite, di cui 19 italiane e 9 irachene, tra membri dei Carabinieri, dell’Esercito Italiano e civili. L’Italia partecipava alla missione “Antica Babilonia”, fornendo unità militari nel sud dell’Iraq, con base principale a Nassiriya, un centro strategico nella regione di Dhi Qar, nota per i suoi giacimenti petroliferi.

Il terribile evento è avvenuto il 12 novembre 2003 alle 10:40 ora locale, 8:40 in Italia, quando un camion cisterna carico di esplosivi è esploso davanti all’ingresso della base Maestrale, sede dell’unità italiana MSU dei Carabinieri. L’esplosione ha successivamente colpito il deposito munizioni, causando la morte di diverse persone tra Carabinieri, militari e civili. L’Appuntato Andrea Filippa, in servizio all’ingresso principale, è riuscito ad abbattere i due attentatori, impedendo al camion di esplodere all’interno della caserma, riducendo così il potenziale impatto di una tragedia di dimensioni maggiori.

In occasione di questa dolorosa ricorrenza, il Comune di Lecco, insieme alle altre Istituzioni locali, organizza per domenica 12 novembre alle 11 una cerimonia commemorativa in via Martiri di Nassiriya, all’angolo con via Ugo Foscolo. Un momento per onorare la memoria di coloro che hanno perso la vita in questo tragico evento e per mantenere viva la consapevolezza dell’importanza di questi sacrifici nel contesto delle missioni di pace e della tutela della libertà e della sicurezza.