Lecco, più incidenti in via Martiri e più violazioni al codice della strada nel 2022

Sono state 10 mila 750 le richieste ricevute ed evase dalla Polizia locale di Lecco in un anno. Questo uno dei dati più significativi emersi dal report delle attività presentato dal Comandante Monica Porta. Un numero di interventi raddoppiato rispetto al 2021. Un numero che ha impiegato i 41 agenti in forze al comando di via Sassi. E dai dati emerge anche il dato che la strada più pericolosa dove si sono riscontrati più incidenti e di questi la maggior parte perdite del veicolo resta via Martiri della Libertà.

Un dato da segnalare: la carenza di organico che il comandante vorrebbe anche più specializzato, ma ciò dipende dal reclutamento, come ha sottolineato l’assessore alla partita Simona Piazza. Un ringraziamento comunque per il lavoro della Polizia locale cittadina, che spesso ha contribuito a collaborare anche con altri comuni per eventi e presidi ad esempio delle stazioni, è arrivato anche dal sindaco Mauro Gattinoni.

Interessante vedere come la maggior parte delle violazioni resta legata alle soste irregolari e alle violazioni della Ztl (14 mila 444 su oltre 26 mila), mentre poco più di 170 sono state le patenti ritirate. Oltre 9 mila le soste irregolari, 5mila i punti patente tolti, e 617 i veicoli rimossi con “soltanto” 309 i ricorsi al Prefetto e Giudice di Pace.

Gli incidenti sono stati in tutto 412 (nel 2019 erano stati 423) di cui con feriti 151 e un mortale. Preoccupa il dato degli investimenti di pedoni che sono stati 34. La via più pericolosa con 20 incidenti è stata via Martiri della Libertà seguita a ruota da via Emanuele Filiberto.

Per la comandante Monica Porta lo scorso anno è stato caratterizzato anche dall’installazione di 17 telecamere e dalla sostituzione di 8 con modelli più performanti (cofinanziate dalla Ragione per 80mila euro). Da segnalare anche il servizio di prossimità territoriale con il servizio Urban Click con 376 segnalazioni gestite dalla segreteria comunale e con assegnazione degli esposti alle pattuglie.

486 i posti di controllo legati ai servizi di polizia stradale: “Tutti i giorni e le settimane abbiamo programmato dei servizi”, 215 i servizi legati alla raccolta differenziata dopo il termine della sperimentazione del sacco rosso, più di tremila le ore spese in affiancamento a eventi e manifestazioni anche nel resto del territorio (3000 ore di servizio per 104 eventi) – Motoraduno di Mandello, raduno interregionale degli Alpini con 13 agenti “esterni”, Notte Bianca, Festa del Lago e della Montagna.

Nell’ambito del progetto Ragazzi@instrada, inserito nel Piano diritto allo studio 2021-2022, il Comando, unitamente all’Associazione FIAB Lecco ciclabile, ha effettuato 13 INCONTRI IN 3 ISTITUTI SCOLASTICI DEL TERRITORIO IN TEMA DI EDUCAZIONE STRADALE.
A percorso ultimato, la customer satisfaction ha rilevato un indice di gradimento del 99,61%.

Infine un dato significativo: a causa della frana sulla SS 36 Rac del 9 dicembre 2022 il Comando, insieme alle altre forze di Polizia dello Stato, agli operatori ANAS ed ai volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, fino al 10 gennaio 2023 ha seguito il presidio viabilistico in forma statica e dinamica in fascia oraria diurna e serale da lunedì a venerdì per tutto il periodo di interesse: sono state 368 le ore impiegate e 40 gli operatori.

«Un grosso ringraziamento alla comandante Porta, a tutti gli ufficiali e agli agenti del corpo della Polizia Locale di Lecco per il grande lavoro che hanno svolto, sia in termini qualitativi sia in quelli quantitativi – ha aggiunto l’assessore Simona Piazza – Nell’ultimo anno abbiamo visto crescere il numero di richieste e, dunque, di interventi di qualunque natura svolte dalla polizia locale e, soprattutto, si vanno profilando anche professionalità e tematiche trattate dalla polizia locale che fino a ora erano rimaste residuali. Sicuramente c’è stato un grande impegno sul tema della sicurezza urbana, ma non solo: anche sul tema della sicurezza del territorio, della polizia giudiziaria, delle ispezioni all’interno dei cantieri. Non da ultimo, un importante lavoro di raccordo a livello sovra territoriale con gli altri comandi della polizia locale, uno con le forze dell’ordine e soprattutto un grande impegno su un nuovo filone che va a profilarsi anche nella nostra città che è quello dei cosiddetti “grandi eventi”».