I trapper lecchesi nei guai, arrestato Simba La Rue

INSTAGRAM/SIMBA LA RUE

i trapper lecchesi di nuovo nei guai guai. Zaccaria Mouhib, 21 anni, detto Baby Gang nato a Lecco di origini marocchine e Saida Mohamed Lamine, anche lui lecchese conosciuto come Simba La Rue di un anno più giovane, nato in Tunisia, sono stati arrestati all’alba di venerdì in un’operazione di polizia e carabinieri di Milano nella quale sono finite nei guai undici persone, tra cui alcuni minorenni, accusate a vario titolo di rissa, lesioni, rapina aggravata e porto abusivo di arma da sparo.
 
L’inchiesta della squadra mobile, guidata da Marco Calì, e dei militari è scattata lo scorso 3 luglio in via Alessio di Tocqueville, a due passi da corso Como, nel cuore della zona della movida milanese.  dove due gruppi di persone si erano sfidati con calci, pugni e armi in strada. A terra erano rimasti un 27enne e un 28enne, entrambi senegalesi, feriti con dei colpi di pistola e fermati.

Ebbene loro erano stati rovocati dai trapper nordafricani in una   violenta rissa con più di dieci persone coinvolte Tra loro, secondo proprio Baby Gang e Simba La Rue. Alla base dello scontro pare non ci fossero motivi musicali ma semplici provocazioni.