Gli studenti lecchesi scendono in piazza: “Ora decidiamo noi”

Nella Giornata internazionale dello studente, centinaia di migliaia di studenti in tutta Italia e in Europa sono scesi in piazza per protestare contro le riforme governative e chiedere un cambiamento nel sistema scolastico. A Lecco, davanti al Caffè Unione in piazza Garibaldi, una quindicina di studenti dell’Unione degli Studenti ha portato avanti la campagna nazionale “Ora decidiamo noi”.

Le richieste degli studenti sono chiare e mirano a migliorare diversi aspetti del sistema educativo:

  1. Investimenti nella Scuola Pubblica: Gli studenti chiedono investimenti per garantire una scuola pubblica di qualità, con attenzione a diritto allo studio, partecipazione, edilizia scolastica e benessere psicologico.
  2. Benessere Psicologico: La richiesta comprende la creazione di sportelli psicologici accessibili e l’implementazione di una didattica inclusiva, con l’utilizzo di strumenti come le carriere alias.
  3. Scuole Sicure e Funzionali: Gli studenti vogliono scuole sicure e adatte alle esigenze degli studenti, con un’edilizia funzionale alla comunità studentesca.
  4. Accessibilità Economica: È fondamentale garantire l’accessibilità economica a tutti gli studenti per le spese scolastiche.

“Ora decidiamo noi” è il grido degli studenti che vogliono essere parte attiva nel processo di cambiamento della scuola e della società. La manifestazione fa parte dello sciopero studentesco internazionale e si inserisce nella piattaforma autunnale dell’Unione degli Studenti Lombardia.

Gli studenti intendono continuare a protestare fino a ottenere risposte concrete e a essere coinvolti nelle decisioni che riguardano il loro futuro. La partecipazione studentesca è al centro della richiesta di cambiamento, e la giornata di protesta è stata un’occasione per portare avanti le rivendicazioni e sensibilizzare la comunità sulla necessità di un sistema educativo migliore.