Disservizi bus per gli studenti di Pescate: dopo la protesta tutto regolare…o quasi

Sono passati più o meno regolarmente e hanno caricato gli studenti di Pescate e Garlate in attesa. Questo il risultato della protesta che i sindaci dei due comuni avevano presentato in Prefettura chiedendo di rivedere l’appalto con la società Arriva e dopo aver personalmente verificato che spesso i bus non effettuavano le fermate nei loro comuni lasciando di fatto gli studenti a piedi.

Questa mattina, lunedì, il sindaco di Pescate De Capitani ha vigilato personalmente a partire dalle ore 7 in prossimità delle pensiline degli autobus e sui percorsi degli stessi per verificare le singole fermate e la salita degli studenti, nonché il grado di capienza dei mezzi.
«Le operazioni si sono svolte dalla fermata davanti all’edicola in prossimità del municipio di Garlate fino alla fermata del condominio Alfa di Pescate – ha detto il primo cittadino – tutti gli autobus in passaggio si sono fermati e tutti gli studenti hanno potuto salire sui mezzi.
Pur senza fermare gli autobus per non ritardare le operazioni di trasporto, gli agenti con il comandante Chiara Fontana hanno preso atto del grado di capienza dei bus che saranno riportati in apposita relazione da inoltrare ai sindaci interessati per le valutazioni del caso».

I controlli andranno avanti finché anche questi disservizi non saranno risolti.