Cgil Lecco: premio La Torre a Cortinovis

La VII edizione del premio “Pio La Torre per i diritti,” dedicato al sindacalista e parlamentare palermitano noto per il suo impegno nella lotta alla mafia, è stata un importante evento presso l’Università di Bologna il 13 settembre. Questo prestigioso riconoscimento è stato promosso da Avviso Pubblico, CGIL e Federazione Nazionale della Stampa Italiana, ed è dedicato a coloro che si sono distinti nel contrasto alla criminalità organizzata e nella promozione della legalità. Durante la cerimonia, sono stati presenti ospiti illustri, tra cui Franco La Torre, figlio di Pio La Torre, e Rosy Bindi, già presidente della Commissione Parlamentare Antimafia.

Nella categoria dei sindacalisti, il premio è stato assegnato a Barbara Cortinovis, Segretaria generale della FILCAMS Lecco, la categoria della CGIL che rappresenta i lavoratori del settore terziario (commercio, turismo, servizi). Cortinovis è stata riconosciuta per il suo impegno nelle vertenze aziendali, tra cui quella della “Spreafico SpA,” un’azienda con sede a Dolzago attiva nel settore ortofrutta, in cui lavoratori negli appalti della società hanno denunciato gravi violazioni delle normative riguardo agli orari, al riposo, ai turni estenuanti e al lavoro nero. Nonostante le minacce ricevute, Barbara ha portato alla luce situazioni di sfruttamento e caporalato, in particolare nei confronti delle lavoratrici.

Grazie al suo intervento e all’impegno delle istituzioni, incluso il Tribunale di Milano che ha ordinato il sequestro preventivo e posto la società in amministrazione giudiziaria, sono stati ottenuti risultati significativi in termini di legalità e diritti dei lavoratori.

Barbara Cortinovis ha espresso grande soddisfazione per il premio ricevuto e ha sottolineato che questo riconoscimento non è solo per lei, ma è dedicato a tutti i lavoratori che hanno avuto il coraggio di denunciare le situazioni di sfruttamento. Ha anche evidenziato l’importanza del sostegno della CGIL Lecco e della FILCAMS regionale nel suo lavoro.

La CGIL Lecco ha sottolineato l’importanza di promuovere la legalità per garantire sicurezza e giuste condizioni di lavoro, e ha dichiarato che continuerà a lottare per i diritti dei lavoratori in collaborazione con altri soggetti impegnati nella lotta alle mafie.

In conclusione, questo premio rappresenta un riconoscimento significativo per il lavoro svolto da Barbara Cortinovis e sottolinea l’importanza della legalità e della difesa dei diritti dei lavoratori in contesti in cui il rispetto delle regole e delle normative è spesso messo in discussione.