Anche Valmadrera insieme ai sindaci nella marcia di Libera a Milano

Anche Valmadrera insieme al suo sindaco ha partecipato oggi, insieme a un’ altra decina di sindaci e amministratori lecchesi, a Milano alla marcia che ha portato in Piazza del Duomo circa 50 mila persone, in gran parte studenti e giovani in occasione della XXVIII giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie , organizzato da Libera e Avviso Pubblico. 

m

«Commovente la lettura dei tanti nomi delle vittime – ha raccontato Antonio Rusconi – presenti i familiari, dai più noti come Falcone, Borsellino, Dalla Chiesa, Impastato, Livatino, fino a ricordare , come ha ben sottolineato don Luigi Ciotti , i recenti piccoli morti innocenti di Cutro , vittime delle ingiustizie di un mondo globale. Mi ha molto colpito la conclusione del Presidente Luigi Ciotti, che ha rimarcato le difficoltà dei sindaci rispetto a una mafia più moderna collegata a settori dell’ economia e della finanza e come è un dovere di ogni cittadino evitare l’ indifferenza , l’individualismo».

Tanti anche gli insegnanti e i ragazzi che hanno deciso di vivere una giornata importante di educazione civica. Oggi in Lombardia, a Milano, era anche il trentennale della strage di via Palestro, in cui persero la vita cinque persone, ricordate per ribadire che mafia e corruzione non sono uno dei tanti problemi del Paese, ma sicuramente uno fondamentale per il suo futuro.