A Valmadrera il progetto “Safety car”

Safety Car, progetto che coinvolge tutto il territorio dell’Ambito di Lecco, soggetto capofila in
partnership con Impresa Sociale Girasole e finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga della
Presidenza del Consiglio dei Ministri, approda anche alla manifestazione Valma Street Block di
Valmadrera, grazie ad una stretta collaborazione tra l’amministrazione comunale, gli organizzatori
della manifestazione e gli operatori del progetto.
Molti sono stati i giovani coinvolti dagli operatori Canali Serena e Rotunno Prospero che, con una
serie di attività divertenti, hanno trattato il tema dell’incidentalità stradale correlata a uso e abuso
di sostanze e alcool.
“È molto importante investire sulla prevenzione per limitare la diffusione del consumo di alcol
e sostanze quando ci si mette alla guida, un fenomeno in crescita continua tra i giovani” afferma
Serena, educatrice e referente dei Comuni del Polo Lago. “Il progetto Safety Car ci consente di
coinvolgere in maniera capillare i giovani del territorio lecchese anche grazie alla collaborazione
con le realtà che già si interfacciano con loro. Poter essere presenti nei luoghi frequentati per
divertirsi e consumare alcolici è un’occasione per poterli aiutare a riflettere anche in modo ludico e
giocoso”.
Gli educatori hanno proposto ai partecipanti, oltre che uno spazio di confronto e informazione, un
percorso da svolgere con gli occhiali alcolvista, che simulano la percezione in stato di ebbrezza.
Ai presenti sono stati distribuiti durante la serata gli etilometri monouso come dispositivo di
prevenzione per evitare di mettersi alla guida con un tasso alcolemico non adeguato.
Un ringraziamento speciale va agli organizzatori della manifestazione, Luca Brivio, il CAI e Osa di
Valmadrera. A Marcello Butti, Assessore alle Politiche Giovanili e Rita Bosisio, Assessore ai Servizi
Sociali, e ai 350 climbers iscritti che si sono sfidati sui muri monumenti e le pareti degli edifici
pubblici di Valmadrera.