L’Arma di Lecco festeggia anche con i sindaci e ricorda il Luogotenente Nesti

Oltre 500 interventi di sostegno alla popolazione sul territorio, di cui 150 svolti sulle piste dei
Piano di Bobbio e 180 nelle acque del Lago di Como e 20 mila pattuglie per il 90 per cento dei reati comuni con 15 stazioni sparse sul territorio del Lecchese. Questi sono i numeri dei Carabinieri del Comando Provinciale di Lecco guidati dal Colonnello Alessio Carparelli che – questa mattina 5 giugno – ha celebrato i 209 anni dalla Fondazione dell’Arma in una cerimonia partecipata e toccante all’interno del Comando.

Presenti tutte le autorità civili e militari del territorio e alcuni alunni della Scuola De Amicis che hanno sventolato le loro bandierini al suono della Virgo Fidelis.

«Ciao Luca, un minuto di raccoglimento per il Luogotenente Nesti recentemente scomparso – ha detto Carparelli ricordando il lutto che ha colpito l’arma lecchese recentemente – Ricordo inoltre i carabinieri che nell’esercizio del proprio dovere rischiano la vita e qui abbiamo due esempi di colleghi feriti durante gli interventi».

Carparelli che salutato oltre al Prefetto, al Questore, a tutti i veritici della magistratura anche i sindaci “primo presidio di sicurezza sul territorio” ha rivolto un saluto anche ai carabinieri dell’Anci “maestri del passato” e agli ex combattenti e a tutte le forze di sicurezza, protezione civile e soccorso.

«Per l’Arma i bisogni dei cittadini sono sempre al centro della propria azione come le comunità in cui siamo chiamati ad operare, ma ha al contempo abbiamo come obiettivo quello di garantire un’attività di polizia ad alta efficacia preventiva – segnalo nel senso 20.000 pattuglie svolte sul territorio – capace inoltre di esprimere uno scrupoloso rigore investigativo, individuando soluzioni
operative che, facendo leva sulla capillare distribuzione dei suoi presidi, aumenti l’efficienza complessiva del sistema conferendo rapidità ed efficacia ad ogni tipo d’intervento».